Pubblicati di recente

Migrare con consapevolezza

Formare sui temi dell'immigrazione giovani studenti italiani e stranieri. Questo l'obiettivo di Mor Amar, rifugiato politico della Mauritania, che nove anni fa ha fondato insieme a tre colleghi una cooperativa che ha come obiettivo creare consapevolezza sugli spostamenti migratori.

Sudafrica: letteratura da Nobel e post apartheid

Nadine Gordimer nel 1991 e John Maxwell Coetzee, nel 2003, segnano due tappe della narrativa sudafricana. Ma oltre al riconoscimento letterario internazionale, la produzione in questi anni si è arricchita di molte voci. E la promozione della lettura svolge un ruolo importante nella crescita culturale nazionale.

Volley Veronese 2022/2023 le squadre e i calendari

La pallavolo veronese si appresta a cominciare una nuova stagione sportiva. Oltre a WithU Verona, pronta a dare battaglia in SuperLega maschile, sono tante le società del territorio che parteciperanno ai campionati nazionali nelle varie categorie. Che stagione sarà?

Indòmati Fest: il teatro che non c’era

La seconda edizione ha come tema guida il mito di Aracne. «Cerchiamo di tessere una rete di artisti che sfidano lo status quo» dichiara Clara Danese, tra i fondatori del collettivo artistico, che darà vita dal 1 al 4 settembre a una serie di eventi performativi. Un obiettivo cui si può contribuire tramite il crowdfunding.

Salieri Circus Award, un premio sempre più femminile

Alla seconda edizione, è atteso dal 22 al 26 settembre al Teatro Salieri di Legnago il premio dedicato all'arte acrobatica. La giuria composta interamente da donne vaglierà i numeri di 41 artisti. Ospite d'onore, Silke Pan, atleta di paratriathlon, con una esibizione inedita insieme al ballerino dell'Arena Luca Cordello.

Mamme a colori contro il razzismo inconsapevole

Intervista a Natascia Fanecco, socia attiva del movimento "Mamme per la Pelle", un'associazione nata per proporre iniziative a sostegno di chi subisce atti di razzismo. «Quando mia figlia frequentava le elementari, dei genitori mi chiesero di cambiarle scuola, perché la presenza di una bambina nera toglieva il prestigio dell'istituto».