Caruso, te voglio bene assai!

Egan Bernal, favorito alla vigilia, ha vinto il Giro d’Italia 2021, al termine di una corsa appassionante il giusto, che ha rivisto i tifosi lungo le strade. Ottimo secondo posto, a sorpresa, del nostro Damiano Caruso, promosso capitano dopo le sfortune capitate alla sua squadra.

Bernal doma gli sterrati, Viviani portabandiera

In attesa dello Zoncolan, al Giro la settimana è stata vissuta nell’attesa degli sterrati di Montalcino, tra i commenti post tappa. A Verona, l’arrivo con un sprint atipico e velocissimo, ha regalato uno spettacolo apprezzato dai molti tifosi accorsi in strada in barba ai divieti.

Giro incerto, ma Ganna c’è!

Meritata copertina per Filippo Ganna nella prima settimana del Giro mentre il passaggio sugli Appennini racconta le tracce di un’Italia autentica, sempre più difficili da seguire.

Viva il Giro!

L'8 maggio a Torino parte l'edizione numero 104 del Giro d'Italia. Ventuno tappe con arrivo il 30 maggio a Milano. Una corsa che per tre settimane terrà idealmente insieme un intero Paese.

Giro d’Italia: festa inglese nel segno di Tao

Georghegan Hart ha vinto il Giro D’Italia, dopo un appassionante duello contro il duo composto da Indley e Kelderman. Tra gli italiani, notte fonda per Nibali mentre Filippo Ganna, imbattibile a cronometro, rappresenta presente e futuro del nostro ciclismo.

I corridori protestano, il Giro d’Italia si inchina

La protesta dei corridori, della 19esima tappa del Giro d’Italia, è stata una brutta pagina di ciclismo. Indipendentemente dalle ragioni, tutto ciò rappresenta l’ennesima occasione per riflettere su quanto lo sport professionistico sia sempre più in bilico tra spettacolo e follia, in un contesto dove è difficile delimitare diritti e doveri degli atleti.

Polemiche e poco spettacolo sulle strade del Giro

Al termine della seconda settimana, al Giro d’Italia emergono i valori in campo. Tra polemiche e ritiri, in attesa delle montagne, i favoriti sono ora Kelderman, Almeida e Geoghegan mentre Filippo Ganna non sbaglia un colpo, aggiudicandosi anche la seconda cronometro.

Il Giro d’Italia riparte dalla Sicilia

La pandemia non ha impedito alla ritualità del Giro d'Italia di ripetersi anche quest'anno. Non si partirà, come originariamente previsto, dall'Ungheria, ma dalla Sicilia. Tra pronostici della vigilia e analisi del percorso, rimane la convinzione che il valore della Corsa Rosa solo in minima parte sia rappresentato dalla competizione sportiva, tanto è il seguito popolare e la sua capacità di essere parte integrante della Storia e cultura italiana.